Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il podio della Gelato World Cup 2024 si racconta

La Gelato World Cup 20204 premia lo spirito di squadra.

I team manager di Italia, Corea del Sud e Ungheria condividono i loro ricordi di gara

Dando forma a un fondo marino inaspettato, curato nei dettagli, Vincenzo Donnarumma, Rosario Nicodemo, Filippo Valsecchi, Domenico di Clemente e Davide Malizia, rispettivamente pasticciere, gelatiere, scultore di ghiaccio e team manager, hanno conquistato la Gelato World Cup 2024. Nello specifico, la torta gelato ha colpito la giuria, anche grazie all’aerografia realizzata in tempo reale.

Sul podio anche Corea del Sud e Ungheria. Argento per Jung Ha Yeon, Park Young Su, Kang Kyung e Jung Dae Young Won, con il team manager Siyeon Yoo; Istvan Gaborecz, Sàndor Fodor, Zoltán Gácsi, Füredi Krisztián e Renáta Somogyi salgono sul terzo gradino del podio.
Il racconto di gara dalle voci dei team manager rivela due comuni denominatori: spirito di squadra e grande emozione.

 

I team manager delle squadre salite sul podio della Gelato World Cup 2024: Davide Malizia, Siyeon Yoo e Renáta Somogyi.

 

“Siamo felici: è una grande vittoria, frutto di quattro anni di allenamenti, studio, ricerca, innovazione. Il tema scelto, abissi marini, è stato complicato ma allo stesso tempo stimolante dal punto di vista estetico”, racconta Malizia. La torta gelato italiana aveva all’interno una tartaruga, elaborata con nuove texture e dal gusto di yogurt, lampone e mango; il tavolo finale delle pièce rappresentava un acquario con una sirena avvolta da una piovra che, con l’arpione, si scagliava contro la scultura in ghiaccio, a forma di squalo. La scultura in croccante riproduceva una manta marina, con un’anemone di mare in zucchero tirato sulla schiena; la vaschetta era decorata da mante marine.

I lavori dell’Italia.

 

“Sono entusiasta di aver realizzato questo sogno”, dichiara Siyeon Yoo. Per la prima volta, infatti, la Corea del Sud accede ufficialmente alle finali attraverso le eliminatorie asiatiche. “Per 4 giorni – compresa la preparazione – ogni problema che si presentava doveva essere risolto rapidamente; la parte più difficile è stata presentare il prodotto finito all’orario prestabilito e alla corretta temperatura di servizio”. Con la mystery box la Corea del Sud ha dato prova di abilità e precisione; decisiva anche la scelta di gusti classici italiani come pistacchio e limone.

I lavori della Corea del Sud.

 

L’ungherese Renáta Somogyi ricorda invece così la sua esperienza: “È stato emozionante ma altrettanto impegnativo. Con il tema Alice nel Paese delle Meraviglie siamo riusciti a visualizzare colori e forme: la vaschetta decorata raffigurava una scacchiera astratta, che includeva un gelato a base di cioccolato bianco caramellato con variegato esotico. La monoporzione rappresentava un fungo, mentre la torta gelato la regina di cuori, con l’effetto velluto rosso ottenuto in cioccolato. Nelle pièce abbiamo cercato di ritrarre i personaggi della fiaba: lo Stregatto sulla statua di cioccolato, il coniglio con l’orologio e infine Alice nella scultura di ghiaccio”.

www.gelatoworldcup.com
Foto Max di Mattia Serratore

 

I lavori del team Ungheria.

I buffet finali di Italia e Corea del Sud

 

“TuttoGelato” è il magazine speciale dedicato al mondo della gelateria, firmato dalla redazione di “Pasticceria Internazionale”. 
direttore Livia Chiriotti
capo redattore Emanuela Balestrino | redazione Milena Novarino e Cristina Quaglia | web editor Chiara Mancusi e Federica Diaferio
marketing manager Monica Pagliardi | pubblicità Luca Russo