Artigianalità e forte identità territoriale

Il Gusto Oro Campano, gelato alla ricotta di bufala campana DOP con albicocche Pellecchiella del Monte Somma e nocciole Mortarella pralinate. Il Gusto Oro Campano, gelato alla ricotta di bufala campana DOP con albicocche Pellecchiella del Monte Somma e nocciole Mortarella pralinate.

Figlio d’arte, Giuseppe De Costanza di Giò Ice a Nola, Na, dopo aver approfondito arte e tecnica gelatiera al Capac di Milano con Caviezel e Pozzi, si è fatto conoscere con gusti identitari come Oro Campano

 

Da 11 anni, la gelateria Giò Ice di Giuseppe De Costanza, figlio d’arte di Luigi, titolare dalla fine degli anni ’80 fino al 2012 di Gigi Gelo nel centro storico di Nola, Na, con Oro Campano ha varcato i confini della sua regione per farsi conoscere a livello nazionale. Questo gusto rappresenta infatti la sua passione per i prodotti della proprio territorio, anche a livello naturalistico, circondato com’è dai Monti del Partenio, dalle colline del Cicala e da quelle del Vesuvio. “Oro Campano – racconta De Costanza - è un omaggio alle mie origini, essendo a base di ricotta di bufala campana DOP, variegato all’albicocca Pellecchiella IGP, e decorato con una manciata di nocciole Mortarella tipiche dell’avellinese, per dare un tocco di croccantezza. La variegatura è data dalla confettura di albicocche Pellecchiella che crescono sulle pendici del Monte Somma, rilievo montuoso parte integrante del complesso vulcanico Somma-Vesuvio, e che sono lavorate da un produttore fidato per esaltarne il sapore dovuto alla ricchezza del terreno vulcanico ricco di minerali e potassio”.
Un gusto che ha lasciato il segno non solo per i sapori, ma anche per la cialda, visto che il cono è fatto a mano sulla piastra in diretta davanti al cliente. Un vero “cono caldo a base di uova, farina, olio EVO, zucchero italiano e vaniglia del Madagascar.

 

Un investimento in qualità

Utilizzare determinati ingredienti è costoso, ma i clienti, informati, capiscono, e la soddisfazione ripaga: “Ho fatto una scelta impegnativa, ma la sostengo e ne sono contento – puntualizza De Costanza -. Puntare sulla qualità e sull’etica è una filosofia di vita prima che di lavoro, che inizia dal rapporto con le persone che lavorano con me, in negozio siamo in cinque, e con i fornitori, per passare attraverso la selezione dei prodotti e chiudersi con l’accoglienza e il servizio ai clienti. Del resto investo su di me e sul mio team lavorando in un laboratorio ben attrezzato, in cui ho cambiato già due volte in 11 anni i macchinari importanti e ora lavoro, tra l’altro, con due mantecatori Labotronic 25 110 HE-H – e altrettanti pastorizzatori Pastomaster 120 di cui uno H.E. di Carpigiani che, oltre alle performance, consentono di contenere i consumi di acqua ed energia. Grazie a queste scelte l’attività funziona, i collaboratori sono contenti e i clienti arrivano anche da Napoli, Caserta e Avellino”.
Forse è anche per questi riscontri che il gelatiere campano ha in mente da tempo di ampliare il suo campo d’azione con un progetto ambizioso, che prevede l’apertura di altre gelaterie, tre in tutto, sia nel capoluogo di regione che in altre province. L’iniziativa include la creazione di un laboratorio centralizzato che rifornisca giornalmente i vari punti vendita, in modo da avere il totale controllo su qualità e freschezza.
Come già per il negozio attuale, per il quale De Costanza ha studiato e seguito fianco a fianco i tecnici nei lavori di realizzazione, grazie alle sue competenze di tecnica e design che gli derivano dagli studi di geometra e dagli anni di Architettura, anche per quelli futuri intende seguire passo passo i progetti dei punti vendita. Questo per la parte tecnica, appunto, mentre per l’ambito di gelateria, oltre alla formazione con il papà Gigi e il diploma di Scuola Alberghiera, Giuseppe da ragazzo ha approfondito le sue conoscenze al CAPAC di Milano, seguendo il corso annuale tenuto da calibri del settore come Luca Caviezel e Carlo Pozzi, che gli hanno permesso di accrescere competenze ed esperienza, rigore del metodo e passione per il gelato. Carisma e maestria lasciano il segno…

 

Emanuela Balestrino

Giuseppe De Costanza, gelatiere di Giò Ice a Nola, Na, sul Monte Somma con le albicocche Pellecchiella.

 

 1 Giuseppe De Costanza con le albicocche pellecchiella.jpg

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Copyright © - 1998-2021 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010 | Privacy

Chiriotti DEM Popup